Come funziona la cronodieta?

La cronobiologia, ovvero la scienza che studia i ritmi biologici, ha portato alla formulazione della cronodieta, una strategia alimentare basata sull’orario di assunzione dei cibi, sviluppata da due ricercatori italiani, Mauro Todisco e Paolo Marconi, nel 1992. Secondo la cronodieta, i cibi vengono assunti in base alle variazioni circadiane delle funzioni biologiche causate dai mutamenti ormonali della giornata. In questa dieta l’accento viene messo non solo sui cibi che si ingeriscono, ma anche all’orario in cui vengono assimilati.

come funziona la cronodieta?
La cronodieta e il controllo ormonale

Il controllo ormonale è il presupposto sul quale si basa, non solo la cronodieta, ma anche la maggior parte delle ultime ricerche scientifiche sull’alimentazione ed il dimagrimento. Esistono ormoni che favoriscono l’accumulo di grasso corporeo e la perdita di massa muscolare ed altri che favoriscono lo smaltimento del grasso corporeo e l’acquisto di massa muscolare.

Nella cronodieta viene consigliata l’assunzione dei carboidrati nella parte iniziale della giornata. In questo modo non se ne limita l’apporto ma si distribuisce la loro assunzione durante le 24 ore. Se da un lato è importante ridurre l’apporto di carboidrati nelle ore serali, dall’altro il consumo proteico andrà incrementato proprio in questo periodo della giornata. Il profilo ormonale che si instaura nelle ore serali favorisce infatti l’utilizzo dei grassi a scopo energetico e la costruzione di massa muscolare durante la notte.

La colazione

In questa dieta la colazione assume la maggiore importanza, poiché è da questo pasto che dipenderanno i ritmi alimentari della giornata. Bisogna assumere gli alimenti al risveglio, prima delle dieci del mattino e l’energia assimilata durante questo pasto viene consumata interamente, senza trasformarsi in grasso.

Durante questo pasto ci si può nutrire con prosciutto, formaggio, uova, pane grigliato e burro, tè e caffè possono essere ingeriti, ma senza latte né zucchero. Nel corso della mattinata si può mangiare un frutto o un succo di frutta.

Il pranzo

Per il pranzo di mezzogiorno gli alimenti importanti sono i carboidrati contenuti nella pasta, nel riso e nei legumi. Possono essere accompagnati da un uovo, da carne o da pesce. Durante il pranzo il sistema digestivo è al massimo della sua efficacia e gli alimenti vengono bruciati senza riserve grasse.

La merenda sarà consumata tre o quattro ore dopo il pranzo e durante questo pasto si eviteranno la frutta ed i carboidrati, preferendo i latticini, come il formaggio fresco o lo yogurt.

La cena

Alla fine della giornata l’attività metabolica diminuisce. Si devono, quindi, evitare i pasti abbondanti dato che il corpo ha ridotto la sua attività fisica ed i bisogni energetici sono diminuiti. Gli alimenti consigliati durante la cena sono le proteine di pesce o di carne magra, l’insalata ed i latticini. La cena viene consumata due ore circa prima di andare a dormire.

Fondamentale in questa dieta è la regolarità. I ritmi biologici variano durante la giornata e gli apporti energetici devono accordarsi ad essi per evitare l’accumulazione di grassi, che è all’origine dell’aumento di peso.

La Cronodieta: Pro e contro

Sicuramente tra gli aspetti positivi della cronodieta vi è il fattore della distribuzione degli alimenti in 4-5 pasti durante l’arco della giornata. Questo è consigliato dai maggiori nutrizionisti e dietologi, poichè consente di velocizzare il metabolismo. Altro aspetto positivo è la completezza nutrizionale, visto che la cronodieta presenta un regime alimentare variegato.

Uno schema alimentare come quello della cronodieta risulta però vincolante e perciò inadatto alle persone che non seguono uno stile di vita comune. Ad esempio, chi fa i turni o le persone che lavorano sempre di notte. Anche per gli sportivi che si allenano nelle tarde ore della giornata questo regime alimentare è eccessivamente rigido.

Vietare i carboidrati alla sera significa privare l’organismo dell’energia necessaria per l’attività fisica. Dal punto di vista psicologico, inoltre, la cronodieta non è esattamente appagante. Dal momento che il consumo di carboidrati a pranzo e di proteine la sera lascia ben poco spazio alle inclinazioni e ai gusti personali.

 

Related Posts

Leave a Reply

*

*