Dieta Vegana: uno stile di vita ed una scelta etica

La dieta vegana è considerata più uno “stile di vita” e una posizione “filosofica” ben definita. Incide profondamente anche su altre abitudini quotidiane, come l’abbigliamento o i consumi in genere. Presuppone una serie di comportamenti o abitudini utili ad evitare qualsiasi forma di crudeltà verso gli uomini, l’ambiente e gli animali.

dieta vegana: uno stile di vitaNella dieta vegetariana alcuni alimenti di origine animale – latte e derivanti, uova e miele – sono ammessi, mentre nella dieta vegana o Vegan sono completamente esclusi.

Recentemente, i fondatori dello stile alimentare vegan hanno creato un’ulteriore differenziazione della dieta vegana, la VEGITAN. Essa condivide completamente tutte le scelte alimentari dei vegani, ma non ne sposa i principi politici, filosofici od etici.

Le motivazioni per le quali la dieta vegana sta riscuotendo successo sono diverse. Per alcune religioni/filosofie orientali non è consentito il consumo di prodotti animali, pertanto, la conversione è pressoché automatica. In secondo luogo, pur non intraprendendo iter spirituali che necessitano la privazione di certi alimenti, molti vegani scelgono di privarsene a scopi puramente “etici”.

Dieta vegana per rispetto alla vita

Alla base della dieta vegana è, quindi, presente un forte rispetto verso tutte le forme viventi. Estende il “diritto alla vita” anche verso le creature del mondo animale. Per ultime, ma non meno importanti, le motivazioni salutistiche:

La dieta vegana si avvale di una scelta alimentare orientata totalmente sui prodotti di origine vegetale. Pertanto prescinde da ogni rischio legato ai cibi derivanti dagli animali: dislipidemie, coronopatie, iperuricemie ecc .

Il medico statunitense Mc Dougal propone un regime alimentare ispirato alla dieta vegana per combattere molte delle patologie contemporanee riconducibili ad una alimentazione scorretta o poco equilibrata. Si tratta di uno schema dietetico ipocalorico ad altissimo contenuto di fibre, caratterizzato dall’apporto di:

  • 75-87% di carboidrati
  • 6-15% di proteine (dal valore biologico compensato tra cereali e legumi)
  • 5-10% di grassi ( 100% intrinseci degli alimenti vegetali)

 

Oltre a Mc Dugal, anche altri medici come Mark e Virginia Messina sostengono il salutismo indotto dalla dieta vegana. Essi affermano che  può essere notevolmente ridotto il rischio cardiovascolare può essere ridotto  abbattendo la quota di TUTTI i grassi apportati con l’alimentazione. I due medici consigliano quindi di discriminare totalmente gli alimenti di origine animale ma anche tutti gli alimenti di origine vegetale oleosi (frutta secca, olive…) o comunque grassi (come il tofu).

Controindicazioni

Deve essere chiaro che un regime alimentare simile è assolutamente in disequilibrio con le reali necessità dell’essere umano. Quindi potenzialmente, se non controllato, potrebbe essere dannoso a lungo termine. L’apporto di cobalamina (vitamina B12) , di calciferolo (vitamina D), di acidi grassi essenziali (omega 3) e calcio, ferro e zinco, risultano insufficienti e necessitano dell’integrazione o del compenso farmacologico. Pertanto, la dieta vegana non è un regime alimentare consigliabile, specie in periodi “delicati” della vita come l’infanzia, l’adolescenza, la gravidanza, l’allattamento e la terza età.

La dieta vegana tende a far proporre quantità eccessive di fibra alimentare e chelanti (ossalati e fitati) non favorendo cosi l’assorbimento dei pochi principi nutritivi introdotti. Il rischio cardio-vascolare associato alla dieta vegana è senz’altro minore rispetto ad una dieta tradizionale contenente grassi animali saturi e colesterolo. Ciò non toglie che tutte le altre carenze del caso aumentino significativamente il rischio altre complicanze nutrizionali.

Tra queste ricordiamo: anemia perniciosa e sideropenia, osteoporosi, ipotiroidismo, neuropatie e spina bifida nel feto. Per queste ragioni, l’adozione della dieta vegana richiede un’attenta supervisione medica in grado di prevenire o colmare eventuali carenze alimentari attraverso l’uso ponderato di integratori specifici ed alimenti fortificati.

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR