Psicodramma, rappresentazione teatrale improvvisata e “azione”

Lo Psicodramma è una tecnica terapeutica che considera l’unità esistenziale della persona e propone di curarla attraverso una rappresentazione teatrale improvvisata.

psicodrammaLa tecnica psicoterapica dello Psicodramma (psychodrama) è stata introdotta negli anni ’20 dal sociologo e psicologo J.L. Moreno. Lui, contrario alla ripartizione arbitraria della personalità operata da Freud, sosteneva l’unità esistenziale della persona. Essa può essere curata nei suoi disturbi comportamentali, nelle sue esigenze motivazionali e nelle sue fantasie, attraverso una rappresentazione teatrale improvvisata, in cui i partecipanti sono invitati a esteriorizzare sul palcoscenico i loro vissuti. Secondo Moreno l’azione scenica consente ai protagonisti di liberare la loro spontaneità creativa, solitamente soffocata dal ruolo sociale.

Gli elementi dello psicodramma di Moreno sono:

  • La scena dove si svolge l’azione.
  • Il protagonista della rappresentazione.
  • Un’ equipe psicodrammatica, i cui componenti (detti “Io ausiliari”) recitano le parti delle principali figure coinvolte nelle situazioni problematiche della vita del paziente: essi possono interpretare sia personaggi realmente esistenti (padre, madre, figlio, etc.), che figure simboliche caratteristiche del mondo interiore del paziente (Dio, Satana, il giudice, etc.).
  • Un uditorio che, proprio come il coro della tragedia greca, fa da eco al protagonista manifestando le proprie emozioni di fronte alle scene rappresentate.

 

Psicodramma per “agire”

Moreno è il primo a proporre il concetto di acting out (agire). Il terapeuta che conduce lo psicodramma assume un atteggiamento direttivo e incita all’azione, invitando i partecipanti ad agire verbalmente, con il contatto fisico e con l’espressione corporea che ha una funzione catartica.

È doveroso sottolineare come il termine acting out abbia assunto in psicoanalisi una connotazione negativa. Infatti, secondo Freud, l’azione rappresenta il tentativo del paziente di non misurarsi con i suoi conflitti inconsci per paura, cercando soluzioni sul piano di realtà.

Ad esempio prendiamo un uomo che ha paura delle donne, ma non vuole ammetterlo a se stesso per l’angoscia che prova. Lui potrebbe intrecciare precipitosamente relazioni con varie donne per dimostrare a se stesso e al terapeuta di non aver bisogno di conoscere le ragioni di tale angoscia.

 

A cura del Dott. Aldo Gabardo

Leggi gli altri articoli del dott. Aldo Gabardo QUI

 

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR