Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

Le 10 abitudini che portano all’infelicità!

Perché non iniziamo a chiederci se da soli ci esponiamo a continui processi di auto-commiserazione e lamentela? Ci siamo mai chiesti se le cose sono meglio di quello che pensiamo, e soprattutto molto più semplici?

Vediamo qui le cose da NON fare se vogliamo vivere felici e contenti.

Dobbiamo faticare per la felicità e spesso non è qualcosa che ci viene naturalmente da dentro. E’ proprio un lavoro da fare su noi stessi, composto da esperienze, abitudini, opinioni e decisioni che affrontiamo nel corso della nostra vita. I motivi per affondare in malinconia, autocommiserazione e profonda infelicità sono molti al giorno d’oggi e la lotta per non cadere nella loro trappola è più difficile che mai.

Tutto quello che ci può rendere felici lo sappiamo solo noi. Ma quello che rafforza i nostri stati di infelicità non viene consapevolmente percepito complicando la situazione e ostacolando il nostro recupero.

Se la nostra vita quotidiana è caratterizzata da una o più delle seguenti abitudini, cerchiamo di agire di conseguenza, modificandole per mandare via l’energia negativa.

  • Lamentarsi in continuazione

Non confondiamo una lamentela occasionale con la condizione cronica di brontolio. Tutti noi abbiamo la necessità di lamentarci quando qualcosa non va come vorremmo, ma lamentarsi di tutto ciò che accade nella nostra vita è una pessima abitudine che riesce solo a portarci ancora più miseria. Il burbero esaurisce inoltre tutta la sua energia lamentandosi di tutto non lasciando spazio ad alcuna intenzione di migliorare la sua vita.
Quelli che “soffrono” dello stato di lamentela continua trascorrono la loro vita individuando sempre il negativo in ogni situazione e trascurando di conseguenza l’opportunità in ogni cosa. Ci sarà sempre qualcosa che non va come vorremmo, ma l’autocommiserazione non ha mai offerto nessun beneficio a nessuno.

  • Shopping Therapy

Coloro che insistono a cercare la gioia che offre un nuovo smart-phone o un nuovo paio di scarpe, hanno perso il loro orientamento credendo che i beni materiali possano porterli più vicino alla felicità. L’acquisizione di un nuovo oggetto ci allieterà certamente, ma la gioia durerà solo poche ore, mentre l’acquisizione di nuove esperienze, nuove sfide, o anche la lettura di un buon libro offrirà molto di più e e per una durata molto più lunga.

  • Consumo di alcol

Sappiamo tutti già che il consumo di alcol a lungo andare fa male. Può tirarci momentaneamente su d’umore, ma l’abuso di alcol su base quotidiana, finisce solo per buttarci sempre più giù psicologicamente. Una “sbronza”, è la garanzia di un cattivo giorno successivo, che non solo ci porta a perdere tempo ma anche di prendere decisioni sbagliate che porterano ancora più malessere.

  • Mancanza di hobby

Per quanto possiamo amare il nostro lavoro, un hobby non può farne parte. L’hobby è qualcosa che non va caricato dallo stress del lavoro, è una passione nella quale dedicarci con tutto il cuore. Coloro che hanno un hobby, sia esso suonare la chitarra, o lavorare a maglia, o la kick boxing, sono più felici nel dedicarci del tempo, investendo su se stessi e le proprie abilità, riconoscendo le propie forze, senza ricercare la conferma o l’approvazione da parte di terzi.

  • La cattiva alimentazione

La gola e le cattive abitudini alimentari, non solo fanno male alla nostra condizione fisica ma anche a quella psicologica. L’eccesso di cibo porta a sentimenti di frustrazione – che sono spesso anche la causa dell’assunzione di cibo -, che finiscono per farci prendere più peso peggiorando ancora di più l’immagine che abbiamo di noi stessi.
Il sollievo psicologico che otteniamo da un alimento zuccheroso dura solo per il tempo del suo consumo, e alla fine della giornata siamo al punto di partenza, se non peggio -dai sensi di colpa-. Ricordiamo che una buona e sana alimentazione aumenta la nostra energia e migliora il nostro umore. Inoltre, un corpo in una condizione fisica relativamente buona è una buona base per la felicità.

  • Parlare male degli altri

La prossima volta che incontriamo i nostri amici, osserviamo quali sono i principali temi di conversazione: se si tratta per lo più di pettegolezzi, probabilmente non solo abbiamo intorno persone infelici ma anche noi siamo una di loro. Coloro che passano il loro tempo commentando la vita degli altri hanno una vita propria povera e la consumano per osservare quella degli altri. In più, coloro che non si sentono felici della loro vita tendono a giudicare in modo leggero e superficiale la vita degli altri. Fermare questa cattiva abitudine del riversare solo cattiveria nei confronti degli altri, rendendoci conto che quello che facciamo è fondamentalmente camuffare le nostre insicurezze. Se non altro, un commento buono non solo dimostra un atteggiamento positivo ma ci renderà anche più simpatici.

  • Solitudine

Una delle cause più comuni di infelicità è la solitudine e questo non esclude le persone che hanno un partner o una famiglia. Molte persone che sono in un rapporto, si sentono sole e questo è dovuto alla mancanza di interazione sociale e all’isolamento, conseguenza dell’evoluzione delle reti sociali digitali. Sempre più persone scelgono relazioni virtuali, dimenticando così gradualmente l’arte del contatto umano e di tutti gli aspetti positivi che questo comporta. Invece di scrivere un commento su una delle social network in cui siamo connessi, proviamo ad uscire con un amico, vivere il contatto umano e aprirsi all’inaspettato.

  • Assenza di obiettivo

Che sia a breve o a lungo termine l’obiettivo, ciò che conta è averne. Gli obiettivi a breve termine, anche se possono sembrare di poca importanza, una volta raggiunti, contribuiscono a costruire la nostra autostima e dare slancio ed energia per raggiungere obiettivi più importanti ed ambiziosi.
La mancanza di porre un obiettivo porta alla mediocrità stazionaria, come anche gli obiettivi irraggiungibili hanno effetti negativi. Quindi non poniamoci degli obiettivi irreali, il cui non raggiungimento ci farà sentire peggio. Iniziamo con modestia e gradualmente costruiremo la sicurezza necessaria per i grandi progetti.

  • Preoccuparsi per l’opinione degli altri

I più infelici di tutti sono quelli che cercano disperatamente di piacere agli altri e non a se stessi. L’insicurezza che gli altri ci giudichino ci spinge a sprecare ore della nostra vita adottanto stili di vita che possano essere apprezzati da quelli che -in ogni caso- ci giudicherano. I veri amici non si interessano di come ci vestiamo o della macchina che guidiamo.

  • Gli estranei influenzano il nostro umore

Non permettiamo in nessun modo che il malumore delle persone sconosciute rovini la nostra giornata. Ci sono molte persone scontrose, dispettose e inspiegabilmente ostili che riescono a diffondere il loro cattivo umore. Non permettiamo che influenzinino la nostra giornata: ispondiamo con un sorriso e facciamo in modo che la loro energia negativa si dissolva!

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648