10 “segreti” alimentari della longevità in Ikaria

La maggior parte dei greci segue una dieta mediterranea nella sua forma più pura e, quindi, ha una minore incidenza di malattie cardiache, obesità, cancro e morbo di Alzheimer.

Prima di diventare famosa come una delle “zone blu” – una regione in cui le persone tendono a vivere una vita insolitamente lunga e sana – l’isola di Ikaria era sconosciuta a molti stranieri. Negli ultimi anni, invece Ikaria attrae scienziati e giornalisti, che vogliono risolvere il “mistero” della longevità dei suoi abitanti, molti dei quali hanno l’età di 100 anni e più.

La vera dieta mediterranea

L’alimentazione, naturalmente, gioca un ruolo importante nella longevità degli abitanti di Ikaria: la dieta mediterranea che seguono è stata associata ai tassi inferiori di cancro, obesità, malattia di Alzheimer e -più recentemente- malattie cardiache. E anche se non ci possiamo permettere di vivere da tutti i punti di vista, come gli abitanti di questa splendida isola greca, possiamo seguire alcune delle loro abitudini alimentari che contribuiscono alla loro longevità.

Mangiamo cibi non trasformati

La base della dieta mediterranea è l’enfasi sulla frutta e la verdura fresca. Ad esempio, in Ikaria mangiano regolarmente patate, verdure, olive e verdure di stagione coltivate nei loro orti. Ortaggi e verdure dovrebbero essere una parte importante di ogni pasto e dovrebbero essere consumati in modo sano: serviti crudi, nelle insalate, o cotti con olio d’oliva.

Dire di “sì” allo yogurt

Il yogurt greco è un altro “segreto” per una dieta sana. Questo alimento cremoso, ha una grande quantità di proteine e un alto contenuto di calcio, che aiuta alla ricostruzione ossea, e i probiotici, che aiutano alla funzione dello stomaco.
Scegliamo lo yogurt greco magro, invece di quello intero, al naturale e aggiungiamo il miele, o lo sciroppo d’acero, o la frutta fresca o anche frutta secca, avena e cereali integrali.

Facciamo delle combinazioni creative

Una dieta per essere di successo dovrebbe essere facile da seguire, il che significa che ciò che mangiamo dovrebbe piacerci. Un esempio è la … pizza in stile mediterraneo! Evitiamo le salsiccie e gli insaccati e cerchiamo di aggiungere più verdure (come spinaci, zucchine, pomodoro fresco) al fine di aumentare i nutrienti e le fibre del nostro piatto.

Proviamo cereali diversi

Gli esperti in nutrizione, consigliano che almeno la metà dei cereali che si consuma sia integrale, cosa che gli abitanti di Ikaria fanno per anni, consumando cereali sani ricchi di fibre, come l’avena.

Impariamo ad amare i legumi

I legumi sono un iper-alimento, per quanto riguarda le proteine e fibre che offrono al nostro organismo. Contribuiscono anche a dare una sensazione di sazietà, in modo da farci mangiare di meno. Le opzioni sono davvero infinite: fagioli di soia, lenticchie, fagioli rossi e neri, ceci… che possono essere cucinati come zuppe o messe in insalate gustose.

Insaporiamo i nostri piatti con la feta

Questo formaggio è uno degli alimenti fondamentali della cucina greca: semi-duro e bianco, è l’ideale per le insalate, ma anche per accompagnare stufati e piatti alla griglia. Ha anche meno grassi rispetto ad altri formaggi ed è più alto in proteine. In generale, è meglio scegliere i prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi e consumarli con moderazione, come accompagnamento e non come l’ingrediente principale dei nostri piatti.

Proviamo un panino al salmone

Invece di un tradizionale panino con salsiccia o carne, scegliamo uno con verdure e salmone, che è più buono per il nostro cuore. La dieta mediterranea suggerisce la prevalenza di pesce e frutti di mare, che sono ricchi di acidi grassi omega-3 e sani per la salute del cuore, invece della carne rossa. Un po’ di feta grattugiata e di cetriolo, aggiungeranno sapore e un tocco greco al nostro panino, senza caricarlo di molte calorie.

Creiamo condimenti sani per le insalate

Le insalate greche sono leggere, rinfrescanti e sane in parte grazie al loro condimento semplice e facile. Evitiamo zuccheri e conservanti presenti nei condimenti pronti, e mescoliamo semplicemente l’olio extra vergine di oliva con aceto o succo di limone e un po ‘di miele.

Condiamo cosi una ricca insalata di lattuga, menta fresca, olive, pomodori, cetrioli, cipolla, formaggio feta e petto di pollo a fette per un autentico pranzo o cena mediterranea.

Mangiamo più olive

La cucina greca non sarebbe quella che è senza le sue olive: Questi piccoli frutti, aggiungono sapore a molti piatti e sono di per sé uno spuntino perfetto. Oltre a contenere dei grassi sani per il cuore, le olive e olio d’oliva (l’olio di cottura principale nei paesi del Mediterraneo), sono una buona fonte di ferro e vitamina E. Inoltre, uno studio italiano ha rilevato che le donne di cui dieta conteneva quantità di olio d’oliva extravergine elevato hanno un rischio di cancro ovarico inferiore del 30%.

Erbe e spezie

I piatti greci sono molto saporiti grazie alle erbe come il basilico, il prezzemolo e l’origano. Queste piante, però, aggiungono molto più del sapore ai nostri piatti: in uno studio americano di oltre 1.000 alimenti, queste tre erbe sono state classificate tra le prime 50 contenenti più antiossidanti.

Utilizzando più erbe e spezie nella nostra cucina, si può anche ridurre il sale, del quale il dosaggio è un fattore importante per una dieta equilibrata.

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR