Architettura olistica: qual’è la strada giusta per costruire sano?

Qual’è la strada giusta verso un’ architettura olistica? Qual’è il punto di partenza per costruire sano? Partiamo dalle radici: Nell’antichità quelli che sapevano come disegnare e realizzare una costruzione e che in seguito sono stati chiamati architetti, non erano semplicemente a conoscenza dei materiali e dei metodi costruttivi, ma erano anche medici, astronomi, agronomi e qualche volta preti.

Architettura olistica: qual'è la strada giusta per costruire sano?

Medici

perché conoscevano le leggi della fisica e dell’energia e del come esse influenzavano la fisiologia dell’organismo umano.

Astronomi

perché cercavano di comprendere le leggi dell’universo.

Agronomi

perché conoscevano le leggi della natura e dei suoi ecosistemi ed affrontavano il posizionamento di una costruzione con lo stesso rispetto di cui ha bisogno un fiore per essere piantato in un giardino. Ed infine,

Preti

perché cercavano di far ricordare alle persone che esistono forze superiori a loro e che la piu’ grande costruzione umana sarebbe stata comunque inferiore alla più piccola costruzione di Dio (natura).

L’insieme di queste conoscenze, e di molte altre complementari, mettevano l’architetto nella condizione di poter operare in tre livelli: materiale, fisico e spirituale. Le forme architettoniche che erano state create non solo hanno copiato la natura ma sono nate per soddisfare le necessità vitali delle persone. La forma della nostra abitazione non è altro che lo specchio della propria esistenza.

Ogni luogo, contiene delle dimensioni interne, nascoste, di cui la forma deve tenere conto se si vuole mantenere inalterata l’armonia tra l’abitazione e l’uomo. La conoscenza passata era risultato della continua ricerca dell’umanità di scoprire quello che esisteva oltre “la materia”…

Recuperare la conoscenza per un’ architettura olistica

Questa conoscenza però è stata persa, nella maggior parte, durante i periodi neri che l’umanità ha dovuto affrontare e a causa di tutti quei motivi che hanno portato il nostro pianeta all’attuale crisi ecologica. Prestando un po’ più di considerazione alle nostre tradizioni e al nostro istinto potremmo fare in modo affinché “un’ architettura olistica”  che rispetti le reali ed essenziali necessità  dell’uomo e della natura non sia soltanto un’utopia…

A cura di Evi Choutou  (SATI Dynamic – consapevolezza dinamica)

Leggi altri articoli di Evi Choutou QUI

RUBRICA A CURA DI EVI CHOUTOU

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR