Atletica leggera: conosciamo i lanci

I lanci sono gare che prevedono una grande forza muscolare degli atleti e un utilizzo di una tecnica sportiva che rispetti i principi della biomeccanica, che possa individuare in modo preciso i due elementi fondamentali per la traiettoria del lancio. Cioè l’angolo di uscita della gittata e le condizioni aerodinamiche dell’attrezzo.

Atletica leggera: i lanci

I lanci nell’atletica leggera

Quali sono i lanci dell’atletica leggera?

Le tipologie di lancio sono:

– disco

– giavellotto

– martello

– lancio del peso

Il lancio del disco

Il lancio del disco ha origini molto antiche che sono testimoniate da opere molto famose di artisti del periodo a.C. Per le donne, il disco pesa 1 kg, mentre per gli uomini il peso è di 2 kg. La pedana in cui l’atleta esegue la prova è circolare, dotata di una robusta gabbia, a forma di U, per assicurare l’incolumità degli spettatori, degli ufficiali di gara e degli altri concorrenti.

Per eseguire un lancio, il concorrente è posizionato all’interno della pedana circolare ed esegue una o più torsioni. Dopo avere terminato la fase rotatoria rilascia il disco. Il lancio è valido se l’attrezzo cade entro i margini interni delle linee bianche che delimitano il settore di caduta. La distanza percorsa dal disco dipende dalla spinta ma anche dalla traiettoria che l’atleta riesce a dargli.

Il lancio del giavellotto

Il lancio del giavellotto è una specialità in cui l’atleta deve scagliare il più lontano possibile un attrezzo fatto di metallo e fibra di vetro detto per l’appunto giavellotto. Questo, nel corso degli anni ha subito numerose modifiche per migliorare il suo veleggiamento in aria e ad oggi il peso è di  800 gr. per gli uomini e 600 gr. per le donne.

Secondo il regolamento i lanci validi sono quelli in cui l’attrezzo raggiunge il suolo con la parte anteriore. Per questo lancio viene utilizzata un’area di rincorsa delimitata da una striscia dipinta per terra. Gli atleti devono lanciare il giavellotto prima di tale striscia e uscire dalla pedana da un lato, altrimenti il tiro è nullo.

Il Lancio del martello

Nel lancio del martello, l’attrezzo è rappresentato da una sfera di metallo cui è legato un filo d’acciaio che termina con un’impugnatura triangolare. Il peso dell’attrezzo è diverso a seconda del sesso degli atleti, per gli uomini è di 7,260 Kg, per le donne è di 4 kg. In questa specialità i concorrenti hanno a disposizione un certo numero di lanci che vengono valutati in base al loro miglior lancio valido e vince chi ha effettuato il lancio valido più lungo.

Il gesto atletico si svolge con la rotazione del lanciatore all’interno della pedana, impugnando il martello con entrambe le mani, facendo perno sul piede interno e terminando l’azione con la distensione completa delle gambe e del tronco. L’atleta esegue 3 o 4 rotazioni prima del lancio, facendo ruotare il martello al di sopra della propria testa. Il lancio è valido se l’attrezzo cade nei margini interni delle linee bianche delimitanti il settore di caduta.

Lancio del peso

Il lancio del peso deriva dalle gare di lancio delle pietre della Grecia antica. Nelle Olimpiadi moderne è presente sin dalla prima edizione come competizione solo maschile; la gara femminile fu introdotta solamente ai Giochi di Londra nel 1948. Il getto ha lo scopo di lanciare il più lontano possibile una sfera di metallo, pesante 4 Kg per i maschi e 3 Kg per le femmine, all’interno di un’area delimitata.

Il lancio si effettua stando all’interno di una piattaforma circolare detta pedana, in cui il lanciatore effettua i movimenti di lancio. Il lancio del peso prevede una prima fase di caricamento, in cui l’atleta si pone dorsalmente rispetto alla direzione di lancio; una seconda in cui l’atleta fa una serie di movimenti che consentono una maggiore forza di spinta e una fase finale di rilascio dell’attrezzo.

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR