La dieta Tisanoreica di Gianluca Mech: Come funziona?

La dieta tisanoreica è un metodo dimagrante ideato dall’imprenditore Gianluca Mech, capo dell’omonima azienda erboristica. Nasce dalla sua idea di associare l’utilizzo di estratti di erbe ottenuti con il metodo della decottopia ad una dieta dimagrante ipoglucidica.

La dieta tisanoreica di Gianluca Mech

La dieta ipoglucidica è una dieta scarsa o priva di glucidi, che induce nel corpo la chetosi. La chetosi è la condizione in cui l’organismo, non ricevendo un apporto sufficiente di carboidrati, brucia i grassi per ottenere energia. In genere le diete iperproteiche sono troppo ricche di proteine, ma Mech precisa che la sua non è una dieta iperproteica, in quanto, pur prevedendo una diminuzione della quantità di carboidrati non supera mai la dose massima giornaliera di proteine raccomandata dalle linee guida nutrizionali. La definisce, invece, dieta fito-chetogenica, poiché lo stadio di chetosi viene per così dire accompagnato dall’utilizzo di appositi estratti erboristici, che interagiscono in modo positivo con l’organismo.

Come funziona la dieta tisanoreica

La dieta tisanoreica ha una durata che può variare dai 20 ai 40 giorni, a seconda dei chili da perdere e si compone di tre fasi. La fase intensiva che è quella che induce la chetosi nell’organismo e può durare da 7 giorni a 3 settimane. Questa prima fase prevede l’eliminazione dei carboidrati e di buona parte dei grassi. Sono concesse verdure a volontà, carne, pesce e uova una volta al giorno ed inoltre, nell’arco della giornata sono previste anche 4 pietanze tisanoreiche. Esse sono composta da integratori alimentari proteici e decotti di erbe, ottenuti appunto con il metodo della decottopia.

La seconda fase è quella di stabilizzazione che permette all’organismo di uscire dallo stato di chetosi e di prepararsi ad un percorso alimentare equilibrato. In questa fase vengono reintrodotti i carboidrati a basso indice glicemico e il numero di pietanze tisanoreiche da assumere durante la giornata passa da 4 a 2. Vanno evitati alcol, zuccheri e frutta. L’ultima fase è quella di mantenimento che richiede il conteggio delle calorie giornaliere assunte per non rischiare di riprendere i chili persi. Anche la dieta di mantenimento può essere coadiuvata da specifici estratti tisanoreica, adibiti al controllo della fame e alla depurazione dell’organismo.

Controindicazioni

La dieta tisanoreica, per lo meno nella sua fase intensiva, si allontana dalle linee guida raccomandate dalla piramide alimentare, che vede i carboidrati alla base del menù. Mech sostiene che questo tipo di squilibrio è necessario proprio ai fini del dimagrimento. E’ sconsigliata a chi è diabetico e a chi soffre di problemi renali o epatici. E’ interessante l’impiego di tisane studiate per accompagnare e in qualche modo “attutire” i cambiamenti fisiologici che chetosi e dimagrimento comportano; questo permette anche di minimizzare il rischio di riprendere i chili persi una volta che si reintroducono i carboidrati.

 

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR