Alimenti favorevoli e sfavorevoli nella dieta Zona

Secondo Barry Sears, l’ideatore della dieta Zona, non è sufficiente bilanciare i vari nutrienti nei pasti, ma bisognerebbe farne una scelta qualitativa. Quindi andiamo a vedere quali sono gli alimenti favorevoli e sfavorevoli per poter ottimizzare i risultati della dieta Zona.

Alimenti favorevoli e sfavorevoli nella dieta Zona

Dieta Zona: alimenti favorevoli e sfavorevoli

Per quanto riguarda i carboidrati, oltre a controllarne l’assunzione ad ogni pasto e/o spuntino, è opportuno scegliere quali fonti di carboidrati mangiare, differenziandole in base all’indice glicemico, privilegiando le fonti a basso indice glicemico come frutta e verdura, in accordo con l’alimentazione naturale dell’uomo (paleo dieta).

I carboidrati considerati favorevoli sono:

  • tutte le verdure e gli ortaggi, eccetto le patate, la zucca, la carota cotta, le barbabietole
  • tutta la frutta eccetto le banane, il mango, la papaia, l’anguria, il caco, uva secca, i datteri secchi e i fichi secchi
  • avena
  • vino rosso (senza eccedere)

 

I carboidrati considerati da limitare:

  • cereali e derivati (pane, pasta, riso ecc.)
  • succhi di frutta
  • la frutta e verdure sopra esclusa dai “favorevoli”

 

I carboidrati considerati da evitare

  • dolci industriali
  • bevande alcoliche
  • bevande zuccherate

 

I cereali sono quasi tutti sconsigliati, tranne l’avena decorticata: l’acido gamma-linoleico (GLA) contenuto nell’avena è infatti considerato un acido fondamentale per la formazione degli eicosanoidi. Barry Sears consiglia un’assunzione di 2-3 milligrammi di GLA la settimana, e ritiene l’avena la fonte in natura più semplice da reperire a questo fine; avendo anche un indice glicemico contenuto l’avena decorticata è così l’unico cereale consigliato nella Zona. Altri cereali, come l’orzo perlato o il farro, avendo un indice glicemico contenuto, sono tollerati.

Le proteine considerate favorevoli sono:

  • albume
  • pesce
  • crostacei e molluschi
  • carni bianche
  • bresaola
  • latticini con pochi grassi (o con più proteine che grassi)
  • proteine in polvere

 

Le proteine considerate discrete sono:

  • altri affettati (da sgrassare)
  • carni rosse magre
  • coniglio
  • carne in scatola magra, tonno in scatola

 

Le proteine considerate da limitare:

  • tuorli
  • insaccati
  • latte e yogurt interi
  • formaggi grassi

 

I grassi considerati favorevoli sono:

  • olio extravergine di oliva
  • mandorle, noci, nocciole, pinoli
  • avocado
  • olio di pesce

 

I grassi considerati da evitare invece sono:

  • grassi saturi
  • grassi trans e idrogenati

 

 

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR