Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

Elimina subito il colesterolo, e guadagna 10 anni di vita!

chol3

Come la primavera rende più morbido il terreno e rimette in movimento le acqu dei ruscelli e delle sorgenti, cosi il ritorno della bella stagione regala nuovi impulsi al sangue e alla linfa: sono i liquidi interni che trasportano a tutto il corpo le sostanze nutrienti e liberano i tessuti dalle scorie che dovranno essere riversate nei reni, nel fegato e nell’intestino, gli organi incaricati della loro elaborazione e del loro smaltimento.
Accade spesso, però, che durante l’inverno i vasi sanguigni e linfatici si riempiano di grassi (colesterolo e trigliceridi), di acidi urici e di scarti metabolici che ne ispessiscono le pareti e impediscono una regolare circolazione dell’energia proprio adesso: nel momento dell’anno in cui ce ne sarebbe più bisogno. Ecco perché all’improvviso compaiono gonfiori diffusi, stanchezza, affaticamento respiratorio, disturbi digestivi e ingorghi biliari: sono tutti sintomi di uno stato di intossicazione generale di cui il colesterolo alto è il primo e più importante marcatore.

Ora la natura è dalla tua parte!

Per fortuna con la primavera l’aumento della luce solare e una maggiore esposizione del corpo all’aria aperta accelerano il ricambio e l’ossigenazione e aiutano il corpo a smaltire in maniera fisiologica l’eccesso di grassi e tossine circolanti. Ma per rendere ancora più efficiace questo lavoro di “auto depurazione” dei liquidi interni, basta seguire per una o due settimane un programma a base di erbe e integratori specifici, utili per purificare il sangue, alleggerire la linfa e ripulire i tessuti dalle tossine che ne potrebbero provocare l’invecchiamento precoce, la degenerazione e la malattia.

Un po’ di grasso è indispensabile per vivere

Organi, cellule e ormoni sono fatti (anche) di colesterolo. Ma quando è troppo, si riversa nel sangue e lo rende denso.
Spesso il colesterolo viene considerato come un nemico, ma in realtà questo grasso bianco dalla consistenza cerosa svolge anche importanti funzioni fisiologiche: innanzittutto rappresenta un’importantissima riserva di energia per l’organismo, e poi è indispensabile per costruire le cellule, le membrane e il connettivo che avvolgono tutti gli organi. In particolare il colesterolo:

  • rientra nella composizione delle pareti cellulari e le conserva duttili e elastiche;
  • è il costituente principale degli ormoni prodotti dai surreni e dalle ghiandole sessuali e permette di mantenerli sani e vitali;
  • partecipa alla sintesi della vitamina D, sostanza indispensabile per la salute delle ossa, della pelle e delle mucose;
  • serve a sintetizzare gli acidi biliari, necessari per digerire le proteine;
  • è indispensabile anche per garantire la pasticità del cervello, per nutrire i neuroni e per migliorare memoria e concentrazione.

Dove nasce il colesterolo

Il 75% del colesterolo viene sintetizzato dal fegato, e il resto viene introdotto con l’alimentazione. Circa il 25% del fabbisogno giornaliero di colesterolo (tra 300 e 500mg circa) deriva da ciò che mangiamo (colesterolo esogeno), il rimanente 75% (tra 800 e 1200mg circa) è prodotto dal corpo (colesterolo endogeno).

cholesterol

Ne esistono due tipi, e uno è “cattivo”

Quando di parla di colesterolo, tuttavia, sono doverose alcune distinzioni. Il cosiddetto “colesterolo totale” è composto da:

  • Le lipoproteine ad alta densità (HDL) sono il cosiddetto colesterolo “buono”. Servono a mantenere pulite le arterie e a prevenire la formazione di placche aterosclerotiche, responsabili delle malattie di cuore e cervello.
  • Le lipoproteine a bassa densità (LDL) corrispondono al cosiddetto colesterolo “cattivo”. Quando questo grasso è in eccesso, si accumula sotto forma di placche che rendono le arterie strette e poco flessibili (aterosclerosi).

Nel sangue ci sono altre sostanze lipidiche

I trigliceridi: dosaggi elevati di questi grassi sono statisticamente collegati a malattie di cuore e diabete. I livelli dei trigliceridi tendono ad aumentare in chi consuma molti cereali e zuccheri raffinati, è fisicamente poco attivo, fuma, abusa di alcolici ed è sovrappeso o addirittura obeso.

Le lipoproteine (a): sono grassi composti da una parte di colesterolo LDL abbinata a una proteina (apoproteina A-I). Livelli elevati di lipoproteine (a) peggiorano il rischio cardiovascolare.

Il VLDL: è un “super grasso” molto denso e pesante che ingloba sia lipoproteine che trigliceridi. Nel tempo tende a ossidarsi e si mescola con i radicali liberi diventando estremamente pericoloso e formando la placca aterosclerotica.

I principali fattori di rischio

L’aumento del colesterolo LDL non è provocato solo da una dieta ricca di grassi saturi, soprattutto di origine animale. Ci sono anche altri fattori che ne possono alterare i dosaggi.

  • L’elevato consumo di zuccheri: Un elevato consumo di zuccheri e di carboidrati raffinati (pasta, riso brillato, pane bianco, dolci industriali) fa impennare trigliceridi e colesterolo cattivo: quando si mangiano questi alimenti, infatti, si sollecita l’insulina e il fegato attiva la sintesi di HMG-Coa, un enzima che alza i livelli di colesterolo LDL.
  • L’abuso di fumo, stress e alcolici: Fumo, stress e alcol hanno un’azione fortemente infiammatoria, e i focolai d’infiammazione intossicano l’organismo e favoriscono l’aumento delle scorie e dei grassi circolanti.
  • La scarsa ossigenazione dei tessuti: Una cattiva ossigenazione (respirare male, vivere in ambienti chiusi, fare poca attività fisica all’aperto) blocca il ricambio dei liquidi cellulari e impegna i tessuti di sostanze di scarto e di lipidi, che tendono a riversarsi nel sangue e nella linfa.

Obiettivo: Alzare il colesterolo buono!

chol2

I disturbi si manifestano quando il colesterollo “cattivo” (LDL) inizia ad aumentare e quando – contemporaneamente – diminuisce il colesterolo “buono” (HDL). Quest’ultimo, infatti, è un importante fattore di protezione perché:

  • neutralizza danni prodotti dalle infezioni, dai batteri e dall’eccesso di tossine che circolano nell’organismo.
  • raccoglie le scorie presenti nel sangue e le riporta al fegato, dove verrano elaborate e smaltite.

Il segreto per stare bene e vivere a lungo, quindi, consiste nell’abbassare il colesterolo cattivo e nell’aumentare il livello di colesterolo buono: un colesterolo HDL alto compensa i danni di tutti gli altri grassi e delle tossine che circolano nel nostro corpo.

Fonti: Riza, Salute naturale

 

About the Author

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648