Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

La gallina e gli anatroccoli: la realtà da diversi punti di vista

C’era una volta un’anatra che aveva deposto quattro uova.
Mentre covava, una volpe attaccò il nido e la uccise. Ma per chissà quale ragione non riuscì a divorare le uova prima di fuggire, e queste rimasero nel nido, abbandonate.
Passò da li una chioccia e trovò il nido abbandonato. L’istinto la spinse ad accovacciarsi sulle uova per covarle.
Poco dopo nacquero gli anatroccoli e com’era logico scambiarono la gallina per la loro madre, e cominciarono a zampettare dietro di lei, tutti in fila.
La gallina, felice della nuova prole, li portò alla fattoria.
Ogni mattina, al canto del gallo, mamma gallina raschiava per terra e gli anatroccoli cercavano di imitarla. Quando gli anatroccoli non riuscivano a strappare da terra neanche un misero vermetto, la mamma provvedeva a nutrire tutti i pulcini, divideva ogni lombrico in diversi pezzi e nutriva i figlioli porgendo loro il cibo con il becco.
Un giorno la gallina andò a passeggiare con la sua nidiata nei dintorni della fattoria. I piccoli la seguivano disciplinatamente tutti in fila.
Ma tutt’a un tratto, giunti sulle rive di un lago, gli anatroccoli si tuffarono nell’acqua con grande naturalezza, mentre la gallina starnazzava disperatamente per farli uscire.
Gli anatroccoli sguazzavano tutti contenti, mentre la mamma saltellava qua e là e si disperava temendo si affogassero.
Sopraggiunse il gallo attirato dalle grida della madre e si rese conto della situazione.
“Non si può far affidamente sui giovani” sentenziò. “Sono degli imprudenti”.
Uno degli anatroccoli che aveva sentito le parole del gallo si avvicinò a riva e disse: “Non date a noi la colpa delle vostre limitazioni”.

Non dobbiamo pensare che la gallina avesse torto.
E nemmeno giudicare il gallo.
Non dobbiamo neanche credere che gli anatroccoli fossero prepotenti e offensivi.
Nessuno dei personaggi ha torto. Semplicemente vedono la realtà da diversi punti di vista.
L’unico errore,
quasi sempre,
è credere che la posizione in cui mi trovo
sia l’unica da cui si vede la verità.

Il sordo crede sempre che chi balla sia pazzo.

tratto da Lascia che ti racconti di Jorge Bucay

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648