Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

Guida alla scelta di un maestro di Reiki

Al momento di scegliere un maestro per l’attivazione al reiki si possono avere molti dubbi. Vediamo cosa si può fare.

  • Verificare che il maestro possieda il titolo. Prima di tutto occorre sapere che solo un maestro può fornire l’attivazione: questo non è concesso ai seguaci che abbiamo conseguito il primo o il secondo livello. Inoltre non è possibile applicare il reiki senza aver ricevuto l’attivazione. Leggere interi libri sull’argomento e studiare tutte le posizioni illustrate non è sufficiente.
  • Nono credere ai maghi. Se qualcuno si vanta di avere grandi poteri e di saper compiere guarigioni miracolose, significa che non conosce veramente l’essenza del reiki. Se infatti non ci consideriamo “canali” attraverso cui fluisce l’energia, non possiamo pretendere di dominarla e dirigerla: noi siamo solo suoi strumenti. E allora non siamo certo noi a compiere le guarigioni. Quanto poi ai miracoli… Alcuni maestri (ma soprattutto certi terapeuti, in particolare dopo il conseguimento del primo livello), si attribuiscono il merito di tutte le guarigioni a cui hanno contribuito. Invece, chi trasmette il reiki è solo uno strumento dell’energia universale. Se poi un maestro consigliasse addirittura di abbandonare le eventuali cure mediche che si stanno eseguendo, garantendo una guarigione assoluta con il reiki, è meglio allontanarsene al più presto; c’è da sospettare che abbia fini diversi da quelli che è augurabile animino un maestro di reiki.
  • Diffidare dei maestri che accettano qualunque allievo. Anche se il primo livello di reiki può essere dato a chiunque, lo stesso non vale per il secondo. Si richiede che l’aspirante al secondo livello sia in grado di riceverlo, di avere motivazioni pure e intenzioni rette e di non essere spinto da fini di lucro. Spetta al maestro valutare tutto ciò. Ci sono anche dei tempi da rispettare: sarebbe meglio far trascorrere un minimo di tre mesi fra il conseguimento di primo livello e quello di secondo, e un anno circa tra il secondo livello e il master. Questa però è solo un’indicazione di massima: spetta l maestro giudicare se l’allievo è pronto. Se osserviamo dei bambini, ci accorgeremo che non tutti hanno lo stesso grado di maturità: qualcuno può dimostrarsi più maturo dei suoi anni, qualcuno meno. Non è comunque questione di merito: la mela che matura un giorno più tardi non è meno buona delle altre. Allo stesso modo, un terapeuta reiki può “maturare” (cioè seguire un’evoluzione spirituale) più o meno rapidamente di un altro. Non è difficile per il maestro valutare l’allievo per stabilire se è pronto.
  • Ubbidire all’intuito. Se ci si trovasse di fronte alla scelta fra due o tre maestri che sembrano altrettanto validi, allora ci si può affidare al proprio intuito e far ricadere la scelta su quello con cui ci si trova meglio, vuoi perché è più comprensivo, vuoi perché spiega più chiaramente, o anche per altri elementi soggettivi che lo rendono gradevole.

 

Fonti: Reiki di Giuliana Lomazzi

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648