Il gioco del tennis

Il gioco del tennis

Il tennis è una disciplina sportiva nella quale si affrontano due giocatori o quattro nel caso di doppio.

Il gioco si svolge su un campo che può essere in terra battuta, erba, cemento o materiale sintetico, delimitato da righe e diviso a metà nella sua lunghezza da una rete. Lo scopo del gioco è fare punto mandando la palla nella metà opposta del campo e facendo in modo che l’avversario non possa rispondere una volta che la palla ha toccato terra. La palla viene colpita con una racchetta, la quale è caratterizzata da un manico di diverse misure, da un fusto, da una parte centrale e dalla parte più larga e arrotondata costituita dall’incordatura. Essa all’origine era in legno, attualmente il carbonio e la grafite sono i due materiali più utilizzati per la sua produzione.

L’origine del gioco viene fatto risalire al gioco francese della palla corda, che consisteva nel rinviarsi una palla da una parte all’altra di un filo colpendola con il palmo della mano fasciata da un guanto di cuoio. Dal sedicesimo secolo la mano viene sostituita da una racchetta di legno e il filo da una rete. I primi campi da tennis non avevano l’attuale forma rettangolare, ma erano a forma di clessidra e fu solo nel 1877 a Wimbledon che il campo assunse la lunghezza e la larghezza attuali. Nel 1896 il tennis fu inserito nel programma dei primi Giochi olimpici moderni e vi restò sino al 1924 quando fu eliminato e poi riammesso solo di recente, nel 1988.
Gli incontri di tennis si suddividono in partite, chiamati set e in base ai tipi di torneo gli incontri sono al meglio delle 3 o 5 partite; ogni set è costituito da 6 o più giochi. I punti vengono assegnati nella successione di “15”, “30”, “40 ” e “game point”, quest’ultimo corrisponde al punto di vittoria. Per vincere un gioco, o per vincere una partita, un giocatore deve superare l’avversario sempre di almeno 2 punti.
Il campo da gioco deve avere le dimensioni di 23,77 m x 10,97 m, compresi i corridoi laterali che sono larghi 1,37 m e sono validi solo nelle partite di doppio. La rete divisoria è alta 0,914 m al centro e 1,07 m ai pali di sostegno. La palla utilizzata è in gomma rivestita da uno strato di feltro. Durante gli incontri dei tornei professionistici si usano sempre palle nuove che vengono cambiate dopo 7 giochi dall’inizio dell’incontro e poi ogni 9 giochi disputati. La battuta è affidata alternativamente a ciascun giocatore per un intero gioco. L’incontro è diretto da un arbitro, che è assistito da giudici di linea e un giudice di rete.
I quattro colpi basilari del tennis sono: il dritto, il rovescio, la battuta o servizio e il colpo a volo o volée.
Il dritto è il colpo piazzato quando la palla viene colpita alla destra del giocatore, o alla sinistra nel caso di tennisti mancini, dopo il rimbalzo. Questo è sicuramente il colpo più forte nella maggioranza dei giocatori.
Per rovescio, invece, si intende il colpo piazzato quando la palla viene colpita alla sinistra del giocatore, o alla destra in caso di tennisti mancini. Esso può essere effettuato impugnando la racchetta con una mano o con due mani.

La battuta deve essere effettuata oltre la linea di fondo del campo di gioco evitando di toccare questa linea con il piede. Ogni giocatore dispone di 2 battute consecutive, sbagliandole entrambe consegna il punto all’avversario per “doppio fallo”. La battuta si esegue, di solito, lanciando la palla verso l’alto e tirandola con la racchetta verso la parte opposta del campo. Se la palla tocca la rete prima di atterrare nel campo avversario, il giudice di rete alza un braccio e l’arbitro dichiara il net, annullando la battuta per farla ripetere.
La volée si effettua colpendo la palla al volo, prima cioè che rimbalzi nel proprio campo. La palla va colpita solo quando ha già superato la rete: se si colpisce quando è ancora al di là della rete, si commette fallo di invasione. La volée può essere effettuata sia di dritto che di rovescio e solitamente è il colpo di chiusura, poiché dovrebbero impedire l’avversario di proseguire nello scambio di battute.

L’ATP (Association of Tennis Professionals) è l’associazione che riunisce i giocatori professionisti maschi di tennis di tutto il mondo, mentre il WTA (Women’s Tennis Association) è il suo corrispettivo al femminile. L’obiettivo primario di queste associazione è quello di tutelare gli interessi dei giocatori, organizzare tornei  e gestire servizi quali ad esempio quello fondamentale della classifica mondiale.

About the Author

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR