Allenarsi e mettersi alla prova con la pallanuoto

La pallanuoto (o water polo) è uno sport di squadra acquatico, che nasce nel XIX secolo in Inghilterra e in Scozia, le cui regole si codificano per la prima volta nel 1887 da William Wilson.

la pallanuoto

La pallanuoto: come si gioca?

Una partita di pallanuoto si tiene tra due squadre, rappresentate in campo da sette giocatori ciascuna, chiamati pallanuotisti. Possono essere sostituiti nell’arco della partita per un numero illimitato di volte, tranne nel caso commettano tre falli gravi e viene qiundi decretata una espulsione definitiva con relativo obbligo di sostituzione. Nuotando in acqua, gli atleti devono tirare con le mani (vige per tutto l’incontro, tranne che per il portiere, l’obbligo di toccare la palla obbligatoriamente con una mano sola) un pallone nella porta avversaria, il maggior numero di volte possibile; ogni volta che ciò accade, si effettua un punto (detto gol o rete). Alla fine dei quattro tempi di gioco la squadra con il maggior numero di punti è la vincitrice.

La pallanuoto è stata inserita nel programma olimpico fin dal 1900 ed è diventata nel tempo uno degli sport più popolari. Resta una disciplina diffusa principalmente in Europa, Stati Uniti e Australia praticata solo in pochi paesi del mondo.

La pallanuoto è uno sport che mette costantemente alla prova chi lo pratica. Il giocatore durante una partita esegue con un ritmo veloce sia fasi di accelerazione che di rallentamento, cambi di direzione e gesti tecnici che richiedono molta precisione. I pallanuotisti sono solitamente caratterizzati da possenza fisica, in quanto nello svolgimento del gioco sono frequenti i contatti tra i nuotatori. Questa prerogativa però non è indispensabile; la pallanuoto offre difatti la possibilità di trovare un ruolo adatto alla propria costituzione corporea. E’ però richiesta capacità natatoria, fondamentale per gli spostamenti, e coordinamento.

Pallanuoto per un’allenamento completo

Essendo uno sport che si svilluppa dal nuoto, i muscoli esercitati sono gli stessi dell’attività originaria. Rispetto allo sport d’origine lo sforzo è maggiormente concentrato negli arti inferiori e nel busto. Come il nuoto, questo sport migliora la capacità polmonare e inoltre favorisce un miglioramento della coordinazione motoria.

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR