Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

L’Area cani: consigli e accorgimenti

Le “Aree Cani” sono un’importante risorsa per chi vive in città: si tratta di parchi verdi recintati, all’interno dei quali si può accedere con il proprio cane avendo la possibilità di lasciarlo libero dal guinzaglio, fare una passeggiata e permettergli di socializzare con i suoi simili. Offrono una piacevole alternativa alla passeggiata al guinzaglio obbligatorio in città che, spesso, viene vissuto dai proprietari come un limite per Fido, impedendogli di giocare e correre, ma anche di allontanarsi per esplorare, restando in sicurezza. Per favorire il benessere psicologico e fisico del nostro amico, infatti, sarebbe opportuno trovare un equilibrio tra i suoi momenti di libertà e le passeggiate al guinzaglio. In città le aree cani sono gli unici spazi utilizzabili per questo scopo, tuttavia, molto spesso vengono gestiti in modo inadeguato dai frequentatori, che anche senza volere, tendono a creare possibili conflitti fra i cani presenti. Come è opportuno, quindi, gestire e comportarsi al meglio in questi spazi?

Conosci il tuo cane:

Prima di portare Fido nell’area cani, bisogna conoscere bene il suo carattere e domandarsi se è un luogo adatto a lui. Non tutti i cani, infatti, gradiscono questo genere di situazione: possono ad esempio essere non particolarmente socievoli, reagendo di conseguenza in modo aggressivo con gli altri cani presenti, oppure possono essere riservati o intimiditi, anche questo genera una cattiva socializzazione. In questi casi è meglio non insistere e valutare un altro genere di attività e incontri da potergli proporre.

Verificare la grandezza dell’area:

Ci sono diversi tipi di aree: alcune sono molto piccole, altre si potrebbero definire veri e propri parchi. In entrambi i casi bisogna controllare che non siano eccessivamente affollate, perché spazi ridotti possono dare luogo ad incomprensioni e conflitti, talvolta molto spiacevoli. I cani comunicano utilizzando anche il linguaggio corporeo e l’utilizzo degli spazi, se questi vengono forzatamente a mancare, rischiano di mettere in difficoltà i nostri amici. Occorre, inoltre, valutare anche la posizione degli ingressi, perché, se nel momento in cui entriamo, al cancello si avvicinano i cani già presenti nel parco, è meglio allontanarsi ed entrare in un secondo momento, oppure chiedere ai proprietari di richiamarli, così da avere l’entrata libera ed evitare situazioni conflittuali legate ad incomprensioni, problemi legati al guinzaglio o alla territorialità o persino alla possessività/protezione verso il compagno umano.

Passeggiare senza toccare:

Un errore comune è quello di accarezzare i cani altrui! La maggior parte delle volte questo accade nel momento più sbagliato e delicato, ovvero quello in cui i cani stanno facendo conoscenza. Questo gesto apparentemente gentile ed innocuo può generare aspri scontri per diversi motivi legati al sentimento di protezione verso il proprietario, oppure falsare il momento delicato in cui avviene una comunicazione ravvicinata di qualche tipo. L’atteggiamento migliore da tenere è quello di passeggiare continuativamente per il parco, sostando pochi minuti di tanto in tanto, così da permettere al nostro cane di fare conoscenza e avere la possibilità di trovare il suo spazio necessario all’occorrenza. Si eviteranno così scomode situazioni legate a comportamenti territoriali o di difesa della persona.

Bocconcini, biscottini, palline e giochi:

Sembrerebbe un accorgimento esagerato, eppure evitare di offrire e portare nell’area cani questi oggetti è indispensabile al fine di non dare inizio a sgradevoli equivoci e conflitti. I bocconcini alimentari sono una risorsa fondamentale per i cani, perché il cibo è uno dei loro più importanti bisogni primari: dispensare leccornie al proprio amico e agli altri cani, la maggior parte delle volte, crea aspre liti. Infatti non tutti i cani amano condividere, alcuni sono particolarmente golosi e potrebbero decidere che per avere tutti i biscottini sia saggio litigare, così dichiareranno propria quella risorsa! Stesso discorso vale per i giocattoli: alcuni condividono volentieri la pallina o il pupazzetto, ma altri possono essere seriamente possessivi e preferire mantenere per sé l’oggetto, mostrando comportamenti aggressivi anche al semplice avvicinarsi di un altro cane. E anche se il vostro amico dimostra di avere un carattere equilibrato, degli altri cani presenti nel parco non potete conoscere il carattere. Meglio non fidarsi!

Ultimi accorgimenti:

Queste aree sono una risorsa preziosa e devono essere tenute in buono stato da tutti. Portate sempre i sacchetti igienici per pulire i bisogni del vostro amico e invitate gli altri frequentatori a fare lo stesso. Infine aggiungo e consiglio l’attenzione nell’uso del guinzaglio, perché se nel parco tutti i cani sono liberi, tenere il proprio legato può essere molto rischioso dato che possono crearsi situazioni di tensione: i cani legati non riescono infatti a comunicare e conoscersi bene. Se non ci si sente sicuri meglio rimandare l’ingresso, oppure consultare un educatore che saprà spiegare e indirizzare al meglio per una piacevole passeggiata nell’area dedicata.

Di Eleonora Raga

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648