Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

La misteriosa mente vagante

Il cervello umano ama il mistero; se cosi non fosse, perché ci sarebbero scaffali su scaffali in libreria dedicati a romanzi polizieschi? Perché le società di produzione continuerebbero a lavorare sull’ennesima versione dei romanzi di Agatha Christie da riportare sullo schermo? E perché le serie televisive poliziesche continuerebbero ad andare avanti stagione per stagione a tempo indeterminato?
Sì, il cervello umano ama il mistero, ma perché? Forse perché è il cervello stesso ad essere un mistero a sé stesso e cercando in continuazione risposte su come funziona, si sente in qualche modo confortato dagli altri, più ripetitivi, misteri del mondo esterno. Parte del mistero che è il cervello umano, e la mente che “abita” intorno ad esso, è stato dissolto in un nuovo lavoro di ricerca.

Lo studio coinvolgeva dei partecipanti che venivano trattati con stimolazione transcranica a corrente continua (tDCS), una procedura non invasiva e indolore che utilizza segnali elettrici a basso livello per stimolare specifiche regioni cerebrali. I ricercatori di Harvard hanno concentrato i loro tDCS sul lobo frontale, essendo questa la parte del cervello responsabile per “la mente vagante”, oltre ad essere la parte che ci permette di pianificare il futuro. In altri esperimenti per creare un punto di confronto i ricercatori hanno utilizzato tDCS per stimolare la corteccia occipitale, un centro di elaborazione visiva nella parte posteriore del cervello. In alcune occasioni non è stato utilizzato alcun tDCS.

Mentre i loro cervelli venivano stimolati, ai partecipanti veniva chiesto di monitorare e rispondere ai numeri che lampeggiavano sullo schermo del computer. Ogni tanto gli veniva chiesto di rispondere a una “sonda di pensiero” sullo schermo votando da 1 a 4 nella misura in cui venivano vissuti questi pensieri spontanei estranei al compito che veniva dato.

E ‘stato dimostrato che la stimolazione del lobo frontale ha portato la mente a vagare, ma sorprendentemente non ha ridotto le sue prestazioni riguardo al compito assegnato, al contrario, le ha migliorate. I ricercatori pensano che questo sia perché la mente vagante amplia la rete all’interno del cervello che si estende in più aree. La mente vagante in realtà migliora la capacità cognitiva, permettendo una fuga mentale da un compito noioso, ma mantenendo la mente in pista nello stesso momento. Non dovrebbe stupirci, quindi, che la stessa area del cervello che controlla la mente vagante, controlla anche la proiezione cognitiva e la pianificazione.

Infine, sembra che sognare ad occhi aperti o vagare con la mente può effettivamente aiutare con i compiti assegnati. Possiamo ritenerlo un mistero della mente dissolto o un altro mistero rivelato?

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648