Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

Non dimentichiamoci della mela!

Secondo alcuni studi la mela sarebbe in grado di ridurre i sintomi dell’asma, grazie all’azione compiuta dalle vitamine e dagli omega-3, soprattutto negli individui più giovani. E’ uno dei pochi frutti che i soggetti diabetici possono assumere senza alcun problema, poichè le molte fibre contenute in essa, soprattutto la pectina, riducono l’indice glicemico. Ha pochissime proteine, i grassi sono quasi assenti e per circa l’85% del suo peso è composta da acqua; la restante parte è costituita da carboidrati, vitamine, tra cui la vitamina A, E, C. e tante sostanze con attività antiossidanti, che proteggono l’organismo dai danni attribuiti ai radicali liberi.

La vitamina A contenuta nella mela favorisce la secrezione del muco dell’intestino, quindi risulta essere un notevole disinfettante intestinale, soprattutto in forma essiccata, dove la vitamina A risulta più concentrata. Nella buccia troviamo la maggior parte della vitamina C, soprattutto quando il frutto è molto maturo. E’ ricca di potassio e povera di sodio, contiene rame, un oligoelemento che contribuisce alla costituzione del sangue; è adatta alle diete e grazie alle fibre aiuta il raggiungimento del senso di sazietà. Questo frutto è un rimedio naturale contro la diarrea e la stipsi, grazie alla pectina, che i batteri intestinali trasformano in una specie di guaina protettiva per le pareti irritate dell’intestino, mentre per risolvere il problema di stipsi basterebbe consumare una mela cotta al giorno. È risaputo che un’alimentazione ricca di fibre contribuisce anche a ridurre il colesterolo nel sangue, uno dei fattori di rischio nelle cardiopatie e in alcuni tipi di ictus.

Anche l’aceto di mele, già utilizzato dai Babilonesi e dagli Egizi, era raccomandato nell’Antica Grecia, preso col miele, per curare tosse e influenza. Essendo composto per circa il 90% da acqua rappresenta un condimento leggero e poco calorico; quello non pastorizzato è consigliato perché gli acetobatteri svolgono un’azione risanatrice e disintossicante, combattendo l’attività dei batteri putrefattivi che causano disfunzioni intestinali e colite.

Questo frutto appartiene alla famiglia delle Rosacee e il suo albero è chiamato melo, pianta originaria dell’Asia centrale. Attualmente esistono circa 2000 varietà di questo frutto, tra cui le più note sono: l’annurca, la fuji, la golden delicious, la granny smith, la pink lady e la renetta.

Anche se questo frutto matura da fine agosto a metà ottobre, possiamo trovarlo in ogni momento dell’anno, grazie all’importazione dai paesi esteri. La mela è uno dei frutti più consumati al mondo, si stima che il suo consumo pro capite in Europa corrisponda a circa 20 kg l’anno; è sicuramente il frutto più diffuso in Italia, dove è da sempre reputato sinonimo di salute e benessere. Merito anche del famoso detto popolare: “una mela al giorno leva il medico di torno”, la mela è considerata un vero e proprio farmaco della natura e un rimedio per tantissimi problemi.

 

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648