Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 687

Scherma storica: l’arte marziale della spada occidentale

La scherma storica, anche nota come scherma tradizionale o scherma antica, è un’arte marziale occidentale basata sulla ricostruzione, lo studio e la pratica dei sistemi di combattimento schermistici tradizionali, sviluppatisi prima della nascita della scherma sportiva moderna.

Da non confondersi con la scherma teatrale o la rievocazione storica, la scherma storica si fonda sul recupero degli antichi stili di combattimento europei  attraverso l’analisi della documentazione e delle fonti storiche, la sperimentazione pratica delle tecniche e simulazioni di combattimento libero.

Le principali differenze tra la scherma sportiva e la scherma storica sono:

  • l’attitudine a colpire il proprio avversario senza essere colpiti (sia contemporaneamente che in un tempo immediatamente successivo al colpo)

realisticamente, un “doppio colpo” avrebbe significato la morte per entrambi i contendenti, è quindi da ricercarsi un’attitudine alla difesa e alla conservatività, prima che all’attacco;

  • in fase di studio, l’assenza di regole che vietino determinate azioni o impongano un limite ai possibili bersagli:

non esistevano regolamenti durante le scaramucce da strada o gli scontri in campo di battaglia, persino i duelli in steccato erano scarsamente regolamentati, per cui in fase di studio ogni bersaglio ed ogni tipo di azione è consentita (comprese, ad esempio, azioni di lotta, o “gioco stretto”);

  • l’uso di riproduzioni di armi storiche prive di filo e punta:

è fondamentale che gli strumenti utilizzati si avvicinino il più possibile agli originali, compatibilmente con gli standard di sicurezza, al fine di consentire una pratica il più possibile realistica;

  • un’attenzione all’effettiva efficacia dei colpi portati:

coerentemente con la realtà storica, per essere considerati efficaci i colpi devono essere portati senza violenza, ma con una giusta intensità.

La ricerca sulla tecnica viene effettuata sulla base di antichi trattati di scherma, scritti da Maestri d’arme che studiavano, praticavano e insegnavano tale arte nel loro tempo. I trattati erano prevalentemente dedicati ad un utilizzo della scherma in ambito civile, per duelli in steccato o per difesa personale, anche se non mancavano i trattati di ambito militare. Il trattato più antico di cui si ha attualmente notizia è il Codice I.33, datato 1290 e di provenienza germanica, che presenta tecniche di scherma di spada medievale e brocchiero (scudo piccolo). Trattati di epoche successive consentono di avere uno spaccato delle tecniche di combattimento relative a varie armi individuali, tra cui:

  • la spada a due mani (1400-1500);
  • la spada da lato (1400-1500), sola e accompagnata da scudo, pugnale o cappa;
  • la spada a striscia o “rapier” (1600-1800), sola e accompagnata da pugnale o cappa;
  • la sciabola militare (1600-1900);
  • lo spadino o “epée” (1700-1800);
  • armi inastate come la partigiana o la lancia (1400-1600);

si possono trovare inoltre numerose indicazioni relative al combattimento corpo a corpo, sia disarmato che con il pugnale  (soprattutto tra il 1400 e il 1500).

E’ interessante notare come, anche nel caso di armi della stessa tipologia, le indicazioni contenute nei trattati potessero cambiare notevolmente da autore ad autore, spesso su base regionale, portando alla nascita di varie “scuole” e stili di combattimento. Tra gli stili più noti è possibile citare lo Stile Tedesco per la  spada a due mani, lo Stile Bolognese per la spada da lato, la Verdadera Destreza spagnola per la spada a striscia.

La pratica della scherma storica viene effettuata tramite l’utilizzo di riproduzioni di armi storiche in acciaio, prive di filo e dotate di puntale, o tramite simulacri in legno, rattan, plastica o nylon, e con l’ausilio di opportune protezioni per il corpo (come maschere e giubbetti da scherma) per garantire un elevato standard di sicurezza.

Attualmente la pratica della scherma storica viene portata avanti da numerose associazioni sportive e culturali attive sia in Europa che in America. Una delle realtà internazionali di maggior interesse è la HEMAC (Historical European Martial Arts Coalition), creata nel 2001 come un’organizzazione-ombrello per i gruppi in Europa, e focalizzata sulle attività di pratica marziale, ricerca storica, promozione dell’arte marziale e organizzazione di eventi e meeting.

In Italia esistono molteplici associazioni sportive e culturali dedicate allo studio e alla pratica di questa arte marziale. Da qualche anno anche la FIS (Federazione Italiana Scherma) ha intrapreso una serie di attività connesse alla pratica schermistica storica, in collaborazione con associazioni già attive e diffuse sul territorio nazionale come l’Accademia Romana d’Armi e la Sala d’Armi Achille Marozzo.

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/piubenessere.it/public_html/wp-content/plugins/adrotate-pro/adrotate-output.php on line 648