Vernici ecologiche: Pitture, leganti e colle naturali

Le vernici ecologiche sono quelle pitture che non prevedono l’uso di materie prime di base petrolchimica. Esse vengono sostituite da componenti di origine naturale a basso impatto ambientale al fine di salvaguardare la salute dei produttori, degli applicatori, ma soprattutto di chi vive gli ambienti interessati da queste pitture.

vernici ecologiche, leganti, colle

Le vernici ecologiche

Le vernici ecologiche consentono la traspirazione, quindi non isolano le pareti che devono fungere da filtro per l’umidità esterna e interna della casa, sono prive di sostanze nocive irritanti e sono indicate per tinteggiare le camere di maggiore frequentazione o quelle dei bambini, inoltre sono inodori, dunque è possibile imbiancare anche a finestre chiuse.

Si basano sull’utilizzo di materiali naturali, quali: leganti (calce, uova, latte, lattice di gomma, amido, cera d’api, oli, grassi e più di recente anche polvere di grano), solventi (acqua, alcool, idrocarburi naturali) e pigmenti (organici, minerali). Non arrecano alcun tipo di danno, sono molto più ecocompatibili rispetto ai prodotti convenzionali e in più sono anche economiche. Inoltre, cosa da non sottovalutare, hanno una qualità decisamente ottima per estetica, traspirazione, durata e reversibilità.

Pitture a base di resine vegetali

Le pitture a base di resine vegetali sono essenzialmente costituite da olio di lino, hanno un aspetto molto brillante e sono adatte a ogni tipo di superficie. Rispetto ad altre vernici  contengono sostanze più facilmente infiammabili e sono pitture murali lavabili e molto coprenti.Esse sono composte da prodotti quali resine naturali, oli vegetali, cera d’api, oli essenziali, pigmenti e riempitivi minerali, non contengono tracce di conservanti e fungicidi sintetici. Le resine naturali sono sostanze secrete da organismi animali o vegetali, sono insolubili in acqua, ma risultano solubili in solventi organici e negli oli grassi. Possono suddividersi principalmente in tre categorie: solide, semisolide e molli.

Le resine solide sono: “dammar (una resina chiara ricavata da una latifoglia del Sudest asiatico), copali ed altre resine delle Indie Orientali.

Le resine molli sono: miscele di resine ed oli volatili e sono conosciute anche come oleoresine, balsami e trementine (colofonia). Fuoriescono principalmente dalle conifere, allo stato più o meno fluido, e dopo un periodo di esposizione all’aria, induriscono a seguito di fenomeni di polimerizzazione.

Leganti naturali

I leganti naturali più comuni sono latte, uovo, lattice di gomma e amido. Spesso negli ultimi anni anche la polvere di grano. Abbastanza resistenti all’acqua e all’umidità, le tempere così ottenute sono destinate agli interni, preferibilmente in ambienti con un tasso di umidità basso.  Tra le più famose c’è la pittura alla caseina, ottimo legante, conosciuta fin dall’antichità. Un composto di proteine di latte che, sotto forma di polvere, viene mescolato alla polvere di marmo e simili; o ancora la pittura a base di resina, estratta principalmente da conifere come larici e pini.

Anche le terre naturali, pigmenti coloranti antichi, sono molto utilizzate e sono disponibili in svariate colorazioni, dal giallo al rosso, dal verde al nero. Un’alternativa che permette una gamma di colorazioni ben più estesa è quella ottenibile con le spezie e i fiori: curry, curcuma, sandalo o zafferano, ginestra, papavero o lavanda selvatica, polverizzati e macinati, oltre ad assicurare colore vivo e persistente, continuano ad emanare per un certo periodo le loro piacevoli fragranze.

La tempera al latte è una pittura solo per interni da utilizzare principalmente su intonaci di calce. E’ scorrevole, coprente, di aspetto vellutato e non sfarinante. La tempera al latte è un prodotto formulato esclusivamente con prodotti naturali, temperato. Garantisce la massima traspirabilità e il più profondo assorbimento del tinteggio nel supporto.

Colle d’uovo

Fin dall’antichità le colle d’uovo son state molto usate. Preferite ad altre colle, in particolare nella pittura a tempera per il grande potere adesivo e la capacità di resistere all’umidità. Per le decorazioni murali normalmente si utilizza la tempera al rosso d’uovo che risulta essere la migliore. Questo genere di pittura fu usato nel Medioevo e nel Rinascimento fino alla comparsa dei colori ad olio. E’ preferita alla tempera a colla in quanto più solida e particolarmente adatta a lavori molto particolareggiati, essendo durissima e durevole anche sulle superfici esterne più tormentate.

La tempera al chiaro d’uovo fu tenuta in grande considerazione dagli antichi. L’albume, infatti, dona trasparenza ai colori e rende impermeabile la superficie dipinta, che può essere anche lucidata. L’albume si può utilizzare assoluto, sia per mesticare i pigmenti con cui si ha difficoltà a lavorare in quanto non assorbono l’acqua, sia per dipingere. Esso si prepara nel modo seguente: si rompe l’uovo, si versa la chiara in un contenitore, poi con un cucchiaio si batte energicamente per alcuni minuti e lo si lascia riposare per almeno una mezzora, successivamente si toglie la schiuma con il cucchiaio e si utilizza il liquido rimasto per miscelare i colori che verranno poi ulteriormente mescolati  con il medium a base di tuorlo d’uovo. Questa tempera viene usata principalmente nella pittura artistica.

Colle vegetali

Le colle vegetali sono tutte a base di glutine, ve ne sono di vario tipo: di farina, di amido, di riso o grano stracotti. I leganti principali di queste pitture possono essere il latte, l’uovo, il lattice di gomma, l’amido. Si tratta però di leganti poco resistenti all’acqua, per cui è preferibile utilizzare questo tipo di tempere in interni e ambienti in cui non ci sia umidità. Possono essere applicate su intonaci di malta di calce o di gesso, su intonaco nuovo, misto o cartongesso. Sono sconsigliati fondi precedentemente pitturati con idrorepellenti o lavabili sintetiche.

Colle animali

Le colle animali sono costituite prevalentemente da sostanze proteiche (collagene) e da quantità minori di sostanze non proteiche organiche e inorganiche. Vengono estratte da cascami di pelli animali o dalle ossa di mammiferi (colla d’ossa) o da parti di pesce (colla di pesce). Le colle animali si caratterizzano per il loro potere adesivo. Tale potere aumenta con l’aumento delle impurità. Le colle più pure sono migliori come leganti, quelle meno pure sono adatte come adesivi. La colla di coniglio è una colla con alto potere adesivo ed indurente e oltre che nel restauro viene usata anche nella doratura ad uso artistico o per lavori di falegnameria.

I vantaggi delle vernici ecologiche naturali rispetto a quelle di origine petrolchimica sono numerosi. C’è soprattutto una maggiore compatibilità con le architetture murali e una prevenzione delle muffe e dell’umidità,e di conseguenza una maggiore salubrità. Per questo sono ampiamente utilizzate in asili nido e scuole, dove la progettazione segue ancora di più i dettami della bioedilizia.

 

Related Posts

Leave a Reply

Impostazioni della Privacy
NomeAbilitato
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Google Analytics
Monitoriamo in forma anonimizzata le informazioni dell'utente per migliorare il nostro sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Puoi accettare o rifiutare la richiesta in conformità della legge europea GDPR